Caso Roli: Grim; centrodestra usa i bambini per propaganda, si vergognino

“Savino e gli altri esponenti del centrodestra che stanno cavalcando in modo vile un caso inesistente per racimolare voti, sulla pelle dei nostri bambini e delle nostre famiglie, dovrebbero vergognarsi”. Lo afferma Antonella Grim, consigliere comunale a Trieste, unitamente a tutto il gruppo consiliare del Pd. Grim oggi è intervenuta in commissione sulla polemica sollevata da alcuni esponenti della maggioranza sul compito affidato in modo facoltativo agli studenti di una classe della scuola media Roli.

 

Secondo Grim “siamo davanti a un lucido disegno volto a creare strumentalmente paura tra i genitori e i nostri concittadini, distorcendo qualsiasi episodio utile. Chiedo alla parte moderata del centrodestra e al sindaco Dipiazza di prendere le distanze da quanti stanno usando studenti e insegnanti per fare propaganda, costruendo un caso ad hoc sul tema dei migranti. Questa mattina in commissione ho sentito parole indegne da parte di alcuni esponenti della maggioranza e mi chiedo se siano condivise all’interno del centrodestra, perché sarebbe sconcertante”.

 

Secondo il gruppo Pd “sia chiaro: come ben spiegato dal dirigente scolastico, nessun bambino è mai stato messo in condizione di pericolo, anzi, il compito era facoltativo, inserito in un percorso didattico lungo a articolato, comunicato preventivamente alle famiglie e da svolgersi in un contesto di conoscenze abituali, coinvolgendo non richiedenti asilo fermati per strada a caso, ma persone inserite stabilmente all’interno del rione e dei luoghi di vita della famiglia. Chi dice il contrario e distorce la realtà commette davvero un atto grave, crea mostri inesistenti, cerca di spezzare il rapporto di fiducia tra la scuola e le famiglie. Inoltre, a che titolo un dirigente scolastico, un’insegnante e una programmazione didattica vengono processati nell’Aula del Consiglio comunale?”.