Striscioni diffamatori contro sedi PD

Evitare ogni vergognosa speculazione politica

La giustizia faccia il suo corso, con la necessaria severità e lo faccia velocemente su questioni che riguardano bambini, servizi sociali e di sostegno, che per loro natura devono essere punti di riferimento al di sopra di ogni sospetto.

Convinti di ciò e per evitare ogni vergognosa speculazione politica, rigettiamo e condanniamo i vili atti dal contenuto gravemente diffamatorio contro il Pd, compiuti nella notte presso le sedi del partito di Trieste, Pordenone, Cordenons e a Gradisca.

Qui anonimi vigliacchi hanno appeso degli striscioni che recano la scritta in caratteri runici ‘Parliamo di Bibbiano’, con evidenziate la P e la D.

Sono attacchi puramente diffamatori, al di fuori di qualsiasi logica del dibattito politico.

Atti analoghi sono stati compiuti in altre parti d’Italia: è un vero e proprio attacco, guidato e coordinato a livello nazionale. Ci rimettiamo alle Forze dell’ordine, già informate, per l’individuazione dei responsabili.

Se qualcuno cerca l’effetto denigrazione o distrazione, per spostare l’attenzione dalle difficoltà interne al Governo e soprattutto dalla crisi del Paese, ha già fallito.

Verso la Conferenza Nazionale delle Donne Democratiche

E’ partito il percorso per la ricostituzione della Conferenza Nazionale delle Donne Democratiche, come deciso dalla Direzione Nazionale dello scorso mese di giugno.

E’ infatti intenzione del Partito Democratico ricostituire il luogo politico delle Donne Democratiche per rilanciare le politiche di genere,  valorizzare i temi delle pari opportunità e dell’equità di genere, oltre che per sostenere e supportare le candidature femminili.

L’adesione è aperta a tutte le iscritte, le elettrici e le donne comunque interessante, ma, per partecipare al voto per l’elezione dei nuovi organismi, è necessario aderire entro il giorno 8 settembre prossimo.

Per formalizzare l’adesione è necessario scaricare il modulo, compilarlo e inviarlo:

  • in formato digitale via posta elettronica all’indirizzo segreteria@pd.fvg.it
  • oppure tramite una foto da inviare al numero WathsApp 348 70 59 741
  • infine, in alternativa, con consegna del cartaceo presso le sedi PD provinciali

qui puoi scaricare il modulo di adesione

qui puoi scaricare il regolamento della Conferenza delle Donne Democratiche

Addio a Camilleri

Rojc, Italia perde vero intellettuale

Ha saputo creare un mondo e farne metafora universale

“L’Italia perde uno dei suoi ultimi veri intellettuali, un uomo che leggeva e interpretava la complessa realtà contemporanea con gli strumenti creativi delle arti e della critica. Come tutti i grandi ha saputo creare un mondo e farne metafora universale. La potenza di Camilleri deve essere ancora recepita in tutta la sua coerenza, al di là delle opere che giustamente gli diedero larga fama di pubblico”. Lo afferma Tatjana Rojc, scrittrice, critica letteraria e senatrice del Pd, esprimendo cordoglio per la scomparsa di Andrea Camilleri.

“La sua lezione civile – aggiunge Rojc – si è collocata nella grandissima tradizione dei Maestri del nostro Mezzogiorno, di cui ha definito la bellezza e le ombre, e da cui ha guardato il mondo cogliendone l’essenza tragica”.

Sanità: continua emorragia tecnici da Fvg

Shaurli: senso di precarietà e insicurezza in tutte le strutture

“Continua l’emorragia dei tecnici della sanità dal Friuli Venezia Giulia. Si tratta di tecnici di alto livello: Simon, Scannapieco, Benetollo e ora apprendiamo che anche Marcolongo sarebbe pronto a ‘emigrare’. Il sistema ora davvero non appare in sicurezza perché nelle aziende e in direzione continui avvicendamenti e commissariamenti danno un senso di provvisorietà e incertezza a tutte le strutture”. Lo afferma il segretario regionale Pd Fvg Cristiano Shaurli, commentando le notizie di stampa che riferiscono di un possibile incarico dell’attuale direttore generale del Centro Ricerche Oncologiche (Cro) di Aviano (Pordenone), Adriano Marcolongo, all’Azienda ospedaliera Sant’Andrea di Roma.

“Più di un anno è passato – ricorda Shaurli – e nemmeno sono riusciti a fare la graduatoria dei direttori generali e continuano a nominare commissari anche dove non ci sono condizioni di provvisorietà. Un anno fa Fedriga diceva di volere la riforma della sanità in vigore dall’inizio del 2019, che i commissari erano assolutamente temporanei ed annunciava che entro il 2018 avrebbe fatto la legge sulla famiglia ‘più avanzata d’Italia’. Tra ritardi, disorganizzazione e attenzione solo alla propaganda – conclude – cresce il timore che i livelli delle prestazioni inizino a calare”.

Riccardi e la rete oncologica Fvg

Trevisan: contraddizione tra parole e fatti della Giunta Fedriga

“Quello dell’assessore Riccardi sulla rete oncologica dev’essere un lavoro di cesello, dato che sta durando ormai da oltre un anno. Perché rimangono scolpite le parole ‘cinguettate’ da Riccardi il 23 giugno 2018: ‘mi impegno a far partire in poche settimane questa rete‘. Così il responsabile Sanità del Pd Fvg Roberto Trevisan commenta le dichiarazioni dell’assessore alla Salute Riccardo Riccardi, il quale ha annunciato che la Regione sta “lavorando al perfezionamento della rete oncologica regionale”.

Per Trevisan “il Pd non ha proprio nessuna soddisfazione a rilevare la contraddizione tra le parole e i fatti della Giunta Fedriga perché, esattamente come ha detto Riccardi sempre il 23 giugno, ‘sui problemi oncologici non si scherza’. Allora invitiamo l’assessore a mettercela tutta, a completare il lavoro effettivamente ‘nel minor tempo possibile’. Adesso che governa la sanità da parecchio sicuramente avrà acquisito una nuova consapevolezza del suo ruolo e – conclude – forse avrà perso un po’ della sua sicumera”.

Per Centrale Monfalcone gas non è via obbligata

Vito: M5S si rivolgano a Giunta Fedriga o ministro grillino Costa

La consigliera Dal Zovo si accorge che a Monfalcone c’è ancora la centrale termoelettrica a carbone di A2A e invece di rivolgersi a chi governa la Regione da oltre un anno o al ministro dell’Ambiente in quota M5S, accusa chi ha riscritto una strategia energetica regionale ferma dall’inizio degli anni duemila”. Lo afferma la responsabile Ambiente del Pd Fvg, Sara Vito, già assessore regionale, replicando alla capogruppo del M5S in Consiglio regionale, Ilaria Dal Zovo, che polemizza con il Pd in merito alla riconversione a gas della centrale a carbone di Monfalcone.

“Il Piano energetico regionale dice con chiarezza che l’obiettivo strategico – spiega l’esponente dem – è superare il carbone per la produzione di energia, cosa che nessun documento regionale aveva mai affermato prima. Per studiare alternative la Giunta regionale di centrosinistra aveva avviato un tavolo tecnico con personalità di alto livello, ma la Giunta Fedriga e il comune di Monfalcone hanno fatto naufragare questo percorso”.


Continua a leggere…

Narodni dom: 99 anni fa il rogo per mano fascista

Shaurli: nazionalismi o di revisionismi riaprono ferite

“Novantanove anni dovrebbero bastare a Trieste e a tutta la Regione per fare pace con il suo passato. Questo è il nostro auspicio, e questo è uno dei motivi per cui il Pd in queste terre si sente chiamato a un supplementare impegno, in favore del dialogo e dell’equilibrio. Un lavoro che ha visto giornate coronate dalla convinzione di aver fatto grandi passi avanti, come quelle vissute assieme dai presidenti Napolitano e Mattarella con Pahor sul Monte Santo, a Trieste, Gorizia, Doberdò. Altre volte invece abbiamo visto il preoccupante rinfocolarsi di nazionalismi o di revisionismi che riaprono ferite: vogliamo che questo anniversario sia un passo avanti”. Lo scrive il segretario regionale Pd Fvg Cristiano Shaurli, riflettendo in occasione della cerimonia in ricordo del rogo del Narodni dom, che si è svolta oggi a Trieste alla presenza del presidente della Repubblica di Slovenia, Borut Pahor.


Continua a leggere…

Corpo forestale Fvg a tutela ambiente

Shaurli: forestali a tutela di un patrimonio fragile ma importante

“E’ sempre più rilevante il ruolo dei forestali regionali del Fvg per un rapporto più consapevole tra uomo e natura, per la corretta gestione dei beni naturali e per la tutela di un patrimonio fragile ma importante. Il nostro Corpo forestale regionale, nel giorno del patrono San Giovanni Gualberto, vive un momento di festa e soprattutto di riflessione, svincolato da ipoteche di parte e orgoglioso di essere uno dei simboli dell’Autonomia regionale”. Lo afferma il segretario regionale del Pd Fvg Cristiano Shaurli, già assessore regionale all’Agricoltura, nel giorno dedicato alla celebrazione di San Giovanni Gualberto, patrono dei forestali d’Italia.

“La soddisfazione per essere riusciti a mantenere il nostro Corpo regionale – continua Shaurli – si somma a quella di essere riusciti ad assumere 17 nuove guardie forestali, giovani ed altamente preparate che arricchiscono l’esperienza, lo spirito di corpo e di servizio che ha sempre contraddistinto il nostro personale forestale. Se impiegati nei compiti che sono loro propri, i forestali regionali sono figure sempre più essenziali per la gestione sostenibile della nostra flora e fauna e per la tutela ambientale nel suo complesso. Negli anni hanno saputo essere molto più che meri controllori o irrogatori di sanzioni e – conclude il segretario dem – crescendo di competenza e professionalità sono diventati punto di riferimento e sostegno per moltissimi operatori, dall’agricoltura alla scuola alla protezione ambientale”.

Manovra: vogliamo azioni per la crescita

Shaurli: ambiente e crescita sono accoppiata vincente

“Sempre bene se compare un ‘tesoretto‘ di alcune decine di milioni, male se non si dice come usarlo, peggio se dovesse servire a finanziare solo altre sparate propagandistiche in salsa salviniana. Auspichiamo servano al rilancio di economia e occupazione della nostra regione, che fa segnare i dati peggiori dell’intero nord Italia“. Lo afferma il segretario regionale Pd Fvg Cristiano Shaurli, commentando la presentazione in prima commissione integrata della manovra di assestamento da parte della Giunta regionale.

“Il Pd è convinto che ambiente e crescita possano rappresentare un’accoppiata vincente – spiega Shaurli – e che settori su cui puntare siano l’edilizia compatibile e il riuso. E che a fronte dell’inutilità del decreto Crescita si debba dare attenzione ad artigiani e piccole imprese, con la creazione di un fondo per anticipare il credito d’imposta ai privati“.


Continua a leggere…

Fedriga: zero idee per l’industria

Renzo Liva

Liva: nulla per semplificazione e sburocratizzazione

«I dati sul lavoro sono in caduta libera, le crisi si susseguono e tutti gli indici economici segnalano sofferenza e contrazione. Di fronte a questo scenario, la Giunta risponde con premi all’autarchia, ristrutturazioni di capannoni vuoti e alberghi diffusi, oppure trasforma come d’incanto un mutuo in 1.200 posti di lavoro. Questo è sconfortante se si pensa a tutte le possibilità di intervento per le imprese e alla Giunta Fedriga mancano idee capaci dare la necessaria svolta. Ancora una volta nulla per l’industria». Lo afferma il responsabile Economia del Pd Fvg Renzo Liva, commentando le dichiarazioni del presidente della Regione, Massimiliano Fedriga e dell’assessore Sergio Emidio Bini, rese al Messaggero Veneto in tema di economia e lavoro. Questa è la replica inviata al quotidiano: se verrà pubblicata sarà dato conto.


Continua a leggere…