Fedriga e l’attrazione fatale per il Veneto

Spitaleri: con Veneto collaborazione e competizione

 
“Questa Giunta sembra subire un’attrazione irresistibile verso il Veneto, speriamo non sia fatale. Dalla sanità privata al turismo, dalle infrastrutture alle finanziarie e all’agricoltura,  il traino del Veneto non è mai stato così potente, e adesso pare che mettiamo anche i rapporti con Bruxelles sotto l’ombrello della Serenissima. La Giunta Fedriga forse ha dimenticato che con il Veneto ci deve essere collaborazione ma che c’è anche competizione a tutela delle nostre realtà economiche”. Così il segretario del Pd Fvg Salvatore Spitaleri commenta l’annuncio dell’assessore regionale alle Autonomie locali, Pierpaolo Roberti, che si è detto disponibile “a operare in sinergia con Regione Veneto nell’ottica dell’Eurosportello, per offrire assistenza a imprese e istituzioni del territorio”.

“Nell’ambito dei fondi europei – osserva Spitaleri – il Veneto è una potenza di primo piano che non a caso è autorità di gestione di un programma come l’Italia-Croazia, che coinvolge 12 milioni di cittadini europei. Le sinergie territoriali sono state praticate con correttezza dalla giunta di centrosinistra, ma bisogna essere cauti nell’aprire le porte di casa a chi ha una tale forza d’urto, pena passare dalla collaborazione alla sudditanza. Peraltro ci chiediamo se in Friuli Venezia Giulia non ci siano strutture e competenze – aggiunge – tali da assistere le nostre imprese, o se vadano eventualmente rafforzate. La comodità di affidarsi a chi è più grosso e influente potrebbe richiedere il pagamento di un prezzo su specialità e autonomia”.
 
“Quando la destra era opposizione accusavano Serracchiani di essere una ‘straniera’, una ‘romana’. Noi non daremo addosso al “Fedriga veronese’, ma che la sua giunta sia oggettivamente supina al Veneto pare evidente. Per tacere di Roma”, conclude il segretario dem.