Fedriga finanzia i rimpatri forzati che non ci sono

Shaurli: Salvini non riesce a spendere i soldi del Ministero perché i rimpatri forzati sono fermi al palo

Se Salvini ha bisogno dei soldi del Friuli Venezia Giulia per rimpatriare gli stranieri, vuol dire che lo Stato è allo sfascio. Per fortuna non è ancora così: Salvini non riesce a spendere i soldi del Ministero perché i rimpatri forzati sono fermi al palo, solo che Fedriga gli offre in più i soldi dei nostri cittadini. Siamo all’estremo limite della propaganda sbracata e allo sbando delle istituzioni, con chiacchiere fatte passare per provvedimenti di sicurezza e sovrapposizioni di competenze che deridono la nostra autonomia. A parte l’assoluta inutilità di questa gentile offerta al Viminale, c’è da chiedersi se la Corte dei Conti apprezzi questo modo di appostare le risorse della Regione per far fronte a competenze che sono chiaramente dello Stato”. Lo afferma il segretario regionale del Pd Fvg Cristiano Shaurli, commentando la possibilità, introdotta dal ddl Omnibus, di utilizzare fondi regionali per i rimpatri forzosi.

“Questa Giunta vive di parole esattamente come il Governo, che in tutto il 2018 ha rimpatriato 6.820 cittadini stranieri, quasi gli stessi del 2017 e quasi niente a fronte del mezzo milione promesso in campagna elettorale, pochissimo anche a fronte dei 90mila dichiarati da Salvini il 25 aprile”.