Forti politiche contro calo industria

Liva: Regione sia in testa al gruppo per politiche di investimento

“Le conseguenze negative di un rallentamento dell’economia mondiale ricadono anche sull’Italia e sulle Regioni più condizionate dall’export, dai traffici internazionali, dalla vocazione manifatturiera della propria industria, come è il Friuli Venezia Giulia. Ci aspettiamo dunque forti politiche europee, un Governo nazionale con l’economia ed il lavoro come priorità e una Regione in testa al gruppo per politiche di investimento, internazionalizzazione, strategie per superare le crisi aziendali e lavoro”. Lo afferma il responsabile Economia del Pd Fvg Renzo Liva, commentando l’indagine congiunturale sull’andamento dell’economia regionale nel I trimestre 2019 elaborata da Confindustria Fvg, in base alla quale risulta che la produzione industriale registra un -3,5% e le vendite -3,1, con un calo anche delle vendite estero e di nuovi ordini.

“Abbiamo un Governo che si fa notare – aggiunge Liva – per eccesso di debito corrente, che si è dimostrato assente nello scontro Fca-Renault, in ritardo su Whirlpool, e una Giunta Regionale che va avanti a mance e poltrone con le Leggi Omnibus: pretendiamo un Governo nazionale e regionale all’altezza dei problemi economici. E la finiscano – conclude – con le campagne elettorali permanenti”.