Ius soli: Grim; legge giusta, vergognoso farne motivo di scontro politico

“Lo Ius soli temperato e lo Ius culturae sono una battaglia di civiltà per rendere l’Italia un Paese più giusto, più moderno, più coeso e più sicuro. Basta utilizzare in modo strumentale ed elettoralistico la questione: c’è chi confonde – spesso volontariamente – lo ius soli con il tema dei richiedenti asilo e degli sbarchi dei migranti, che non c’entrano nulla, ed è vergognoso”. Lo afferma la segretaria regionale del Pd Fvg Antonella Grim, che oggi aderisce alla staffetta per lo sciopero della fame per lo ius soli temperato e lo ius culturae.

 

Secondo Grim “Lo ius soli e ius culturae sono rivolti a bambini e ragazzi che sono già di fatto italiani, che vanno a scuola con i nostri figli, parlano i nostri dialetti, crescono con noi, e hanno il diritto di essere integrati, perché sono parte preziosa della nostra società”.

 

“La nostra – evidenzia Grim – vuole essere una sollecitazione a tutta la società civile e a tutte le forze politiche. Il lavoro che il Pd ha fatto sin qui, arrivando all’approvazione del testo alla Camera, è stato straordinario. Il Pd si è dimostrato ancora una volta motore del cambiamento e partito dei diritti. Ora auspico che l’impegno prosegua al Senato, con la stessa determinazione, grazie al supporto di tutti. Perché il Pd ha fatto tanto, ma da solo non può farcela”.