L’Italia recuperi ruolo nei Balcani

Rojc: prioritario l’allargamento dell’UE ai Paesi dell’area balcanica

«E’ assolutamente prioritario l’allargamento dell’UE ai Paesi dell’area balcanica, dove l’Italia dovrebbe svolgere un’azione più determinante. Nel recente passato abbiamo fatto dei passi importanti per la conquista di un ruolo, che ora stiamo perdendo, lasciando il campo all’esclusiva trattativa della Francia e della Germania. I Balcani occidentali devono consolidarsi come nostro partner economico e nostro punto di riferimento per una cooperazione politica con l’Europa dell’Est: se l’Italia non conta nulla nel ‘giardino di casa’ non può avere altre aspirazioni di leadership». Lo ha detto la senatrice Tatjana Rojc (Pd) oggi a Roma, intervenendo al seminario ”Europa-Europae. L’Europa tra frammentazione neo-nazionalista e integrazione continentale” organizzato dall’Intergruppo Parlamentare Federalista Europeo in collaborazione con Vision and Global Trends.

La moneta unica è stata una delle conquiste fondamentali – ha aggiunto Rojc – nella storia recente europea, ma andrebbe rafforzata la BCE, in parallelo con un maggiore coordinamento delle politiche monetarie, economiche e sociali. Una politica fiscale unitaria faciliterebbe gli scambi commerciali e conseguentemente – ha concluso – le pratiche doganali tra gli Stati europei, tra quelli confinanti in particolare”.