Omnibus è legge con norme ad personam

Shaurli: “Corte Conti chiede universalità e merito”

“Togliamo una volta per tutte il velo a questa finzione: la Lega ha portato in Consiglio una legge in cui le norme specifiche potrebbero riportare il nome del beneficiari. Attenzione perché la Corte dei Conti chiede che le leggi siano improntate ai criteri di universalità e merito”. Lo afferma il segretario regionale del Pd Fvg Cristiano Shaurli, in merito alla legge sulla competitività regionale, in discussione in consiglio regionale.

“Non occorre aspettare la fine dei lavori d’aula – indica Shaurli – per sapere che questa legge non lascerà nessuna traccia sulla crescita del Friuli Venezia Giulia. Anzi, le uniche cose che resteranno sono quelle parti talmente incoerenti fra loro da rendere probabile l’impugnativa dal Governo e l’umiliazione dei nostri Sindaci”.

Per Shaurli “se questa è la prima prova vera del centrodestra di fronte alle questioni dell’economia e alle crisi che quotidianamente stiamo vedendo, purtroppo per la nostra regione non se accorgerà nessuno, a partire da lavoratori e imprese”.

A riprova dell’indirizzo “nominativo” delle norme, Shaurli ha contestato lo stanziamento da 1,8 milioni per il settore lattiero-caseario, con richieste a sportello, scrivendo e sigillando in una busta chiusa i nomi del gruppo di imprese che si presenteranno a fare domanda.