Porti: Trieste centrale grazie a impegno politico chiaro

porto Ts

“Il Porto di Trieste viene confermato centrale a livello nazionale: è uno straordinario risultato, non casuale ma frutto di un lungo lavoro sul piano istituzionale e politico, che ha visto il Pd attore protagonista a tutti i livelli”. Lo afferma la segretaria regionale del Pd Antonella Grim, dopo l’approvazione del Piano strategico nazionale della portualità e della logistica, che apre nuovi interessanti scenari di sviluppo per lo scalo triestino.

Secondo Grim “sul rischio per Trieste di essere fagocitata da Venezia abbiamo assistito a troppe grida di allarme, spesso strumentali, di parte consistente dell’opposizione. Quella stessa minoranza – continua – che fino a poco tempo fa governava la regione e la città, e di certo non ha favorito la vocazione internazionale del porto né l’integrazione con gli altri porti regionali, che sono entrambe priorità”.

“La presidente Serracchiani e il sindaco Cosolini, oltre ai nostri parlamentari – sottolinea Grim – stanno dimostrando un impegno e una capacità di interlocuzione e confronto con Roma che sta finalmente restituendo al Porto di Trieste quella centralità che gli spetta e che gli permetterà di fungere appieno da asset strategico per Trieste, il Fvg e l’intero Paese”.