Spitaleri, Riccardi ritiri legge di riforma sanità

“Il centrodestra ha sempre minato i territori”

 

“Riccardi ritiri la legge di riforma della sanità e ponga mano subito alle vere criticità del sistema per garantire le prestazioni ai cittadini del Friuli Venezia Giulia. Più passano settimane e mesi e più Riccardi si rende conto che le macerie non esistono, ma ci sono processi e percorsi da implementare e migliorare”. Lo afferma il segretario regionale del Pd Fvg Salvatore Spitaleri, commentando le dichiarazioni dell’assessore regionale alla Sanità Riccardo Riccardi oggi a Pordenone.

“Per anni il centrodestra ha minato i territori – continua Spitaleri – cavalcato e sobillato comitati e professionisti con tessera di partito, sabotato ogni azione che metteva in rete risorse e competenze. E ora Riccardi ci viene a fare la predica sul ‘clima’ e sulla necessità di superare le rivendicazioni territoriali: forse pensa di essere circondato da smemorati o peggio”. 

Superare i campanilismi è esattamente ciò che non ha mai voluto il centrodestra perché – spiega Spitaleri – sono sempre stati funzionali al mantenimento e alla distribuzione di rendite di potere. Noi abbiamo intaccato quella visione, in cui il policentrismo era la parola magica con cui si è bloccata questa regione e le si è impedito di entrare nella modernità. Ora Riccardi si accorge che siamo una regione di 1,2 milioni di abitanti, una popolosa provincia del lombardo-veneto che, da quando è sotto lo scettro di Fedriga, è scomparsa dagli schermi nazionali”.

“E quando avrà finito di fare il ripasso sull’integrazione territoriale della Regione – aggiunge Spitaleri – glielo spieghi bene ai primari, ai caposala e ai dirigenti in genere, che loro sono uno dei problemi della sanità in Friuli Venezia Giulia. Perché, sia pur con altre parole, è questo che ha detto”.