Immigrazione: governare flussi nel modo migliore è nostro dovere

“Chi governa ha il dovere di gestire i flussi migratori garantendo controlli e sicurezza, e cercando di diminuire il più possibile l’impatto degli arrivi sui territori. Chi non governa può invece permettersi di chiacchierare sui grandi sistemi”. Lo afferma la segretaria regionale del Pd Antonella Grim dopo la riunione con i prefetti, Mario Morcone e la presidente Serracchiani, che si è svolta ieri a Trieste, replicando alle critiche che arrivano dal alcuni esponenti del centrodestra.

Secondo Grim “sul tema della gestione dei flussi migratori abbiamo sempre detto che regioni e territori devono essere coinvolti e avere un ruolo da protagonisti, ma è altrettanto importante che tutti facciano la propria parte: il peso dell’accoglienza non può essere sopportato solo da alcuni comuni. E’ necessario che i comuni siano prima di tutto solidali tra di loro”.

 

“Non siamo davanti a uno Stato che vuole imporre diktat – osserva Grim – ma che deve aiutare i territori più sotto pressione, in particolare i quattro capoluoghi di provincia e Gradisca d’Isonzo, che ospita il Cara, nella gestione degli arrivi, individuando ogni strumento utile a distribuire le presenze sul territorio, in modo da alleggerirne il peso. E’ indispensabile lavorare su più livelli per mettere in campo azioni utili a garantire un sistema di accoglienza funzionale, corretto ed equilibrato, dove la tutela della sicurezza e del rispetto delle nostre regole vada di pari passo con un’accoglienza dignitosa, che parte dall’evitare i grandi assembramenti di persone”.

 

“Questo – conclude Grim – significa governare in modo responsabile, non riempirsi la bocca di principi e teorie che nulla hanno a che fare con la realtà”.