Province: Grim, chi frena la riforma danneggia i cittadini

“Il pronunciamento del Consiglio di Stato è uno stimolo ad andare avanti con un percorso di riforma nel quale il Pd ha creduto e investito sin dall’inizio e che va portato fino in fondo senza incertezze”. Lo afferma la segretaria regionale del Pd Fvg Antonella Grim dopo l’ordinanza emessa dal Consiglio di Stato, che permetterà lo svolgimento delle elezioni di secondo grado degli organi della Provincia di Pordenone.

Secondo Grim “evitiamo di scambiare il parere dei giudici per una battaglia ideologica. Noi non eravamo entrati nel merito dell’ordinanza del Tar prima e non lo facciamo nemmeno ora. Attenderemo il pronunciamento della Corte Costituzionale serenamente e senza esprimere giudizi di mertito – sottolinea Grim – come invito a fare quanti oggi dall’opposizione tuonano contro l’ordinanza del Consiglio di Stato. Qui non si tratta di una guerra politica, ma di un ragionamento serio sull’assetto da dare ai nostri territori per consentire anche in futuro l’erogazione di servizi di ottimo livello e la sostenibilità del sistema”.

“La riforma degli enti locali va portata avanti con determinazione – sottolinea Grim – e il superamento delle Province è uno dei suoi aspetti fondamentali. Ogni tentativo di constrastare questo cambiamento non fa che creare confusione e dannose lungaggini, che sono i cittadini a dover pagare. E’ un percorso che bisogna avere il coraggio di cogliere appieno, anche se difficile in alcuni aspetti e radicale. Per questo – conclude – ringrazio quanti a Pordenone, amministratori locali, dirigenti e iscritti al Pd, si sono impegnati per partecipare a questa fase di profondo cambiamento”.

Trieste, 22 ottobre 2014

Comunicato stampa

Ufficio stampa Pd Fvg