Nel centrodestra confusione totale su Enti Locali

Shaurli: Zanin a gamba tesa da uomo di partito

Colpisce l’ennesima forzatura del presidente del Consiglio regionale, che rinuncia al suo ruolo di garante di tutti ed entra a gamba tesa, da uomo di partito, nelle ipotesi della sua stessa maggioranza. Se adesso le cose vanno così, ci chiediamo cosa accadrà con le esternazioni extra-istituzionali una volta che avrà nominato il nuovo portavoce personale ‘regalatogli’ a 100mila euro all’anno”.

Lo afferma il segretario del Pd Fvg Cristiano Shaurli, commentando l’ipotesi di riordino territoriale del Friuli Venezia Giulia, avanzata dal presidente del Consiglio regionale Mauro Zanin, che prevede la costituzione di un unico Ente che aggreghi Udine, Pordenone e Gorizia.


Continua a leggere…

Via della Seta: è da governare a favore Fvg

Convegno Limes ”Le vie della seta e del ferro. Scenari per Trieste e l’ Europa”

“La Via della Seta è una grande chance per Trieste e per il Friuli Venezia Giulia, ma va governata e vanno stabiliti chiari indirizzi al peso che si vuole assegnare agli investimenti cinesi. Il ruolo dello Stato italiano in questa partita è essenziale e auspichiamo che siano prese scelte chiare e coerenti di politica estera nell’interesse nazionale e a beneficio del nostro territorio”. Lo ha affermato Marcello Guaiana, responsabile Infrastrutture e Ricerca della segreteria regionale Pd Fvg, oggi a Trieste a margine del convegno Limes ”Le vie della seta e del ferro. Scenari per Trieste e l’ Europa”.


Continua a leggere…

Free zone Trieste grande chance per economia

Serracchiani: attrarre capitali e investitori qualificati

Debora Serracchiani con (da destra) Zeno D’Agostino e Mario Sommariva, presidente e segretario generale dell’Autorità di sistema portuale dell’Adriatico orientale

 
E’ un evento storico in sé l’inaugurazione ufficiale della prima Free zone retroportuale del porto di Trieste, ma è soprattutto l’apertura di una grande chance per il futuro economico di Trieste e di tutte le aree cui potrà mettersi a servizio. Sono orgogliosa di aver lavorato per questo obiettivo con altre istituzioni e soggetti privati animati da buona volontà e visione strategica”. Lo afferma la deputata Debora Serracchiani (Pd), ex presidente del Friuli Venezia Giulia, in occasione dell’inaugurazione di “FreeEste”, …


Continua a leggere…

Il patto finanziario Stato-Fvg non c’è

Shaurli: da Fedriga solo un foglietto di carta

“Il dato di fatto è che il Patto con lo Stato non c’è. Fedriga ha fatto lo show ed ha presentato al Consiglio regionale una tabellina di numeri traballanti. A novembre era tutto fatto ora arriviamo ultimi dopo tutte le Regioni speciali ed anche quelle ordinarie che hanno trattative avanzate con lo Stato per ottenere più autonomia, più risorse e più competenze“. Così il segretario regionale del Pd Fvg Cristiano Shaurli, intervenendo oggi a Trieste in Consiglio regionale, nel dibattito sulle comunicazioni del presidente Fvg Massimiliano Fedriga sulle trattative per la stipula del nuovo Patto finanziario della Regione con lo Stato.


Continua a leggere…

Shaurli: rapporti Stato-Fvg a zero

Altre Regioni ordinarie sono più avanti

«Mentre altre Regioni del nord in queste ore trattano e reclamano con forza competenze e risorse, il Fvg è ancora fermo e si fa superare nell’esercizio dell’autonomia. Zaia ha già lanciato un ultimatum al Governo, Fedriga invece chiede ancora tempo». A dirlo è il segretario regionale del Pd Fvg, Cristiano Shaurli, oggi a Trieste nel corso di una conferenza stampa sui rapporti tra Stato e Regione Fvg, alla quale ha preso parte anche il consigliere regionale del Pd, Franco Iacop. 


Continua a leggere…

CasaPound mette manifesti fascisti su scuola slovena a Gorizia

Serracchiani-Rojc: fermiamo un’onda nera prima che sia troppo tardi

Le istituzioni condannino subito i gesti provocatori e di marca schiettamente fascista compiuti contro le scuole slovene di Gorizia dal gruppo giovanile di Casa Pound. Fermiamo un’onda nera prima che sia troppo tardi”. Così le parlamentari del Pd Tatjana Rojc e Debora Serracchiani, che stigmatizzano l’affissione, presumibilmente nella notte, sul muro del centro scolastico sloveno che ospita due poli scolastici superiori, in via Puccini a Gorizia, di manifesti del ‘Blocco studentesco’, il ramo giovanile di Casa Pound, che raccoglie studenti delle scuole superiori e universitari. Le immagini sono di schietto stampo neofascista e recano i motti “Devoti alla Vittoria!” e “Tamburo dell’Avanguardia”.


Continua a leggere…

Da Lega e M5S attacco a minoranza slovena

Bressa-Rojc: questa è una maggioranza di destra

Shaurli, da Governo atto grave contro democrazia e comunità slovena

 “Dal Governo gialloverde un attacco senza precedenti alla rappresentanza delle minoranze linguistiche autoctone, in primis quella slovena. Un colpo pericoloso che fa carta straccia della Costituzione, di leggi costituzionali e accordi internazionali. E’ la prova definitiva che quella di Lega e M5S è una maggioranza di destra, che mette una cappa di piombo sopra i diritti di chi dovrebbe essere più tutelato”. E’ quanto hanno dichiarato congiuntamente la sen. del Pd Tatjana Rojc e il sen. del gruppo delle Autonomie Gianclaudio Bressa, dopo che la maggioranza ha votato contro i loro emendamenti che si proponevano di tutelare e favorire la rappresentanza in Parlamento della minoranza slovena, anche a seguito della riduzione del numero dei parlamentari.


Continua a leggere…

Obiettivo M5S è taglio della democrazia

Serracchiani: l’uomo forte si sta già scaldando i muscoli a bordo campo

“Il vero obiettivo dei 5Stelle è il taglio della democrazia, di tutte le intermediazioni e dei contrappesi: quella che loro chiamano democrazia diretta è una forma di governo ben nota, in cui il popolo applaude e uno sta sul balcone”. Lo afferma la deputata del Pd Debora Serracchiani replicando al capogruppo del Movimento 5 stelle in Senato Stefano Patuanelli, secondo il quale il Partito democratico non voterà il taglio dei parlamentari “con una scusa banale”.

“Il superamento della democrazia – ha aggiunto Serracchiani – prima è stato teorizzato dalla società privata che possiede il M5S e adesso i gruppi obbedienti eseguono al Senato e alla Camera. Si sta portando a termine l’assassinio della democrazia rappresentativa, rendendo sempre più ininfluente il Parlamento, depotenziandolo nei fatti e nell’autorevolezza prima ancora che nei numeri. Presto anche Patuanelli e i suoi non serviranno a niente, perché  l’uomo forte si sta già scaldando i muscoli a bordo campo“, conclude.

Garantire rappresentanza minoranza slovena in Parlamento

Rojc: sloveni sono parte integrante della Nazione

L’intervento della sen. Rojc al minuto 03:25″

Occorre introdurre le condizioni per consentire alla minoranza linguistica e nazionale slovena di partecipare in forma libera ed autonoma alle competizioni elettorali. Se la riforma della rappresentanza parlamentare venisse approvata così come proposta dalla maggioranza gialloverde verrebbe a mancare completamente questa possibilità”. Così Tatjana Rojc, intervenendo in aula al Senato sul disegno di legge di modifica della Costituzione in tema di rappresentanza.


Continua a leggere…

Molteni indichi i siti dei Cpr in Fvg

Rojc: non ci saranno espulsioni in massa di migranti dal Fvg

Ormai da mesi la Lega ripete che in Friuli Venezia Giulia si faranno più Centri di permanenza per il rimpatrio (Cpr), ma a parte la solita martoriata Gradisca e forse la Cavarzerani di Udine rimane il mistero sulla dislocazione in regione di strutture delicate come queste. I cittadini che se le vedranno sorgere accanto è bene siano preparati, anche perché la presenza di un centro di detenzione non aumenta il livello di percezione della sicurezza”, Lo afferma la senatrice del Pd Tatjana Rojc, commentando le dichiarazioni del sottosegretario all’Interno, Nicola Molteni il quale ha sottolineato che “abbiamo bisogno che ci siano i Cpr, perché abbiamo bisogno di incrementare la politica del rimpatrio e delle espulsioni”.


Continua a leggere…