Legge elettorale: Grim, occasione persa

“E’ davvero un’occasione persa, in particolare per quanto riguarda la doppia preferenza di genere. Le opposizioni hanno dimostrato di essere sorde all’esigenza di rinnovamento”. Lo afferma la segreteria regionale del Pd Fvg Antonella Grim aggiungendo che “dispiace che il rifiuto alla legge elettorale sia arrivato proprio da forze politiche che notoriamente si riempiono la bocca della necessità di rinnovare e ammodernare il sistema politico”.

Secondo Grim “credo che non esista donna al mondo felice di difendere le quote rosa o strumenti simili, però non possiamo ignorare il fatto che vi sia ancora oggi una realtà difficoltà di accesso alla politica per le donne. Da qui la necessità di introdurre meccanismi – continua Grim – che agevolino la partecipazione femminile. Stupisce che forze politiche che si definiscono molto attente al rinnovamento della classe dirigente e alle pari opportunità di accesso non abbiano voluto cogliere la possibilità offerta da questa legge elettorale, che era un testo di buonsenso promosso dal Pd e sul quale il partito aveva dato lo scorso marzo chiaro mandato ai propri consiglieri regionali”.