“Liberazione”: Zilli rimuova post offensivo

Liva: quelli della Lega sarebbero i “liberatori”?

“Il minimo che può fare l’assessore Zilli è cancellare il post offensivo contro il Pd e l’intero centrosinistra, e scusarsi. È inaccettabile e vergognoso paragonare la legislatura in cui ha governato il centrosinistra a un’occupazione militare, da cui la Regione sarebbe stata ‘liberata’ ad opera della Lega. Questi sono talmente ossessionati dal loro essere leghisti, che riescono a concepire la politica solo come guerra contro il nemico, non hanno il minimo senso della continuità democratica e istituzionale: adesso che ci sono loro il mondo è meraviglioso, prima era uno schifo. Zilli e compari si diano una regolata”. Lo afferma Renzo Liva, responsabile per l’Economia nella segreteria regionale Pd Fvg, commentando il post dell’assessore regionale alle Finanze Barbara Zilli che, nel primo anniversario della vittoria del centrodestra in regione, ha scritto sulla sua pagina Facebook “Oggi, un anno fa, abbiamo liberato il Friuli Venezia Giulia!”.

Per Liva “siamo alla follia e al sovvertimento di tutti i valori: da una parte il suo ‘capitano’ dice che il 25 Aprile è ‘un derby tra fascisti e comunisti’ e dall’altro Zilli veste i panni della ‘liberatrice’, ma da cosa? Ha forse il coraggio di sostenere che la libertà è tornata con la Lega di Fedriga? Il partito più centralista e più reazionario ha vinto le elezioni un anno fa, per cui – conclude – può smettere di far festa e cominciare a combinare qualcosa”.