Pd a sindaco Trieste, marcare distanza da CasaPound

Istituzioni siano custodi morali della Costituzione

La delegazione del Pd incontra il sindaco di Trieste Roberto Dipiazza

Una delegazione del Partito democratico ha incontrato oggi il sindaco di Trieste Roberto Dipiazza, per ribadire formalmente la contrarietà ideale e morale nei confronti del raduno nazionale che CasaPound ha indetto per il prossimo 3 novembre nel capoluogo regionale.

La delegazione, che era composta dalla segretaria provinciale del partito Laura Famulari, dalla deputata Debora Serracchiani, dai consiglieri regionali Roberto Cosolini e Francesco Russo, e dalla capogruppo in Consiglio comunale Fabiana Martini, ha precisato che il Pd è rispettoso delle libertà garantite dalla Costituzione e che, ove le Autorità di Pubblica sicurezza nulla eccepiscano, il diritto di manifestare non può essere negato neppure a formazioni di ispirazione neofascista.

E’ stato tuttavia richiamato il dovere delle Istituzioni di esercitare anche un ruolo di custodia morale nei confronti dei valori di tolleranza e uguaglianza affermati nella nostra Carta fondamentale. E quindi al Sindaco è stata rivolta la richiesta di farsi portavoce di tutta la città e di esprimere una netta distanza ed estraneità della comunità verso un evento dalle coloriture antidemocratiche, inopportuno per la contiguità con la presenza del Capo dello Stato, turbatore della giornata in cui si festeggia San Giusto patrono di Trieste.