Sanità: la riforma non chiude ospedali, ma li valorizza. Anche a Gemona

“Il Pd ha voluto con forza e sostenuto sin dall’inizio la riforma sanitaria. Siamo a Gemona, assieme alla presidente Serracchiani e l’assessore Telesca, perché come Pd sentiamo la responsabilità e il compito di veicolare i contenuti di una riforma buona e coraggiosa in tutti i territori della nostra regione, soprattutto quelli che hanno vissuto in maniera più difficile questo passaggio, necessario e innovativo”. Lo ha affermato oggi a Gemona (Udine) la segretaria regionale del Pd Fvg Antonella Grim aprendo l’incontro “Riforma sanitaria: più servizi per tutti, dappertutto”, organizzato dal Pd Fvg in collaborazione con il Pd provinciale di Udine e i circoli democratici del Gemonese. Durante l’incontro, moderato dal responsabile Sanità del Pd Fvg Nerio Nesladek, sono intervenute la presidente della Regione Debora Serracchiani e l’assessore regionale alla Salute Maria Sandra Telesca. Presenti il segretario del Pd provinciale di Udine Massimiliano Pozzo e di Gemona Sandro Venturini.

Secondo la presidente Serracchiani “questa riforma sanitaria non chiude nessun ospedale della regione, compreso quello di Gemona, che rimane aperto e verrà implementato. Oggi, ad esempio, proprio a Gemona abbiamo inaugurato il Laboratorio della montagna, che si unisce ad altre due importanti novità: il nuovo reparto pediatrico e il centro di salute mentale aperto sulle 24 ore. Questi – ha sottolineato Serracchiani – sono i segnali concreti del nostro progetto di riordino del sistema sanitario: noi non tagliamo, ma riadattiamo gli ospedali, compreso quello di Gemona, dando loro una nuova identità, e lo dimostreremo con i fatti”.

“Abbiamo deciso di iniziare il percorso delle riforme partendo dalla sanità – ha osservato Serracchiani – perché il nostro sistema sanitario non sopportava più il peso delle nuove esigenze e andava riadattato ai rinnovati bisogni di cura e assitenza dei cittadini, investendo soprattutto sul territorio e la domiciliarità per affrontare le cronicità, in continuo aumento”.

L’assessore Telesca ha sottolineato che “è comprensibile che il cambiamento faccia paura, dappertutto, anche a Gemona. Ma deve essere chiaro che questa riforma non toglie, ma cambia, rimodula: oggi non ci si cura vicino a casa, ma dove ci sono i professionisti migliori. E’ fondamentale – ha evidenziato Telesca – organizzare la sanità per dare risposte nuove a bisogni nuovi”.

Sandro Venturini, segretario del Pd di Gemona, ha invitato a “non strumentalizzare la sanità e le preoccupazioni delle persone per motivi politici, soffermandosi piuttosto sugli aspetti buoni della riforma, a partire dall’attenzione al territorio e dalla domiciliarità. La riforma – ha concluso – offre delle possibilità, che vanno colte”.

Gemona (Udine), 4 novembre 2014

Comunicato stampa

Ufficio stampa Pd Fvg