Terrorismo: da Lega soliti slogan anche in giorno di lutto

“Anche in un giorno di lutto dalla Lega Nord piovono solo slogan e ricette semplicistiche che nulla hanno a che fare con la soluzione dei problemi e molto con la propaganda”. Lo afferma la segretaria regionale del Pd Fvg Antonella Grim dopo le dichiarazioni di Massimiliano Fedriga, che chiede di bloccare da domani i flussi di profughi in arrivo da Paesi in guerra.

Secondo Grim “l’Europa non è un colabrodo: è del tutto evidente e doveroso continuare a tenere alta la guardia, rafforzare i controlli e fare in modo che i nostri confini continuino a non essere teatro di ingressi incondizionati e fuori controllo. Soprattutto in una regione di confine e di passaggio coma la nostra – osserva Grim – è fondamentale aver predisposto ogni misura utile a garantire la massima sicurezza e continuare a farlo, anche per evitare l’eventuale infiltrazione di criminali. Detto ciò – continua – come Fedriga sa ma non dice, barricarsi in casa e pensare di bloccare migliaia di persone in fuga sono fantasie irrealizzabili che illudono soltanto”.

“Fedriga dovrebbe inoltre sapere – sottolinea Grim – che molti dei giovani che vengono irretiti dalla folle propaganda dell’Is non sono migranti, ma sono nati e cresciuti nelle periferie delle capitali europee. Quindi seminare il panico tra i nostri concittadini associando ossessivamente i profughi che fuggono proprio dall’Is e i terroristi – continua – è veramente pericoloso. Il problema è complesso e multiforme e come tale va affrontato. Un’azione internazionale congiunta e finalmente decisa contro l’Is va portata avanti – continua – ma non prescinde dal rafforzamento di un processo che punti a favorire l’integrazione dentro la nostra Europa, nel segno di quei sacrosanti valori di giustizia, uguaglianza e libertà che fanno di noi un grande continente”.