Grim: la riforma della scuola investe e assume, è un dato di fatto

“La Buona scuola non taglia nulla, ma assume e investe. L’immissione in ruolo di 100.700 docenti precari a partire da settembre è una grande novità nel panorama scolastico italiano, dopo anni di tagli selvaggi agli organici: è finalmente il segno tangibile di un interesse vero per la scuola”. Lo afferma la segretaria regionale del Pd Antonella Grim, sottolineando che “stabilizzare gli insegnanti significa dare un futuro certo a migliaia di lavoratori e garantire la continuità didattica per gli studenti”.

Secondo Grim “le assunzioni dei precari rientrano in un disegno complessivo di miglioramento e valorizzazione del settore più prezioso che abbiamo, la scuola. Ed è importante che la sede scelta per affrontare tale materia sia stato il Parlamento, dove si è svolto un lavoro lungo e attento di confronto con tutte le anime del mondo della scuola”.

“Dire che il Governo non investe sulla scuola – sottolinea Grim – significa omettere questo dato sulle stabilizzazioni e anche che solo per il Fvg, per esempio, sono stati stanziati 50 milioni di euro per l’edilizia scolastica: un cambio di passo rivoluzionario”.